Quando noi fummo la` dov'el vaneggia di sotto per dar passo a li sferzati, lo duca disse: Attienti, e fa che feggia

lo viso in te di quest'altri mal nati, ai quali ancor non vedesti la faccia pero` che son con noi insieme andati .

Del vecchio ponte guardavam la traccia che venia verso noi da l'altra banda, e che la ferza similmente scaccia.

E 'l buon maestro, sanza mia dimanda, mi disse: Guarda quel grande che vene, e per dolor non par lagrime spanda:

quanto aspetto reale ancor ritene! Quelli e` Iason, che per cuore e per senno li Colchi del monton privati fene.

Ello passo` per l'isola di Lenno, poi che l'ardite femmine spietate tutti li maschi loro a morte dienno.

Ivi con segni e con parole ornate Isifile inganno`, la giovinetta che prima avea tutte l'altre ingannate.

Lasciolla quivi, gravida, soletta; tal colpa a tal martiro lui condanna; e anche di Medea si fa vendetta.

Con lui sen va chi da tal parte inganna: e questo basti de la prima valle sapere e di color che 'n se' assanna .

Gia` eravam la` 've lo stretto calle con l'argine secondo s'incrocicchia, e fa di quello ad un altr'arco spalle.

Quindi sentimmo gente che si nicchia ne l'altra bolgia e che col muso scuffa, e se' medesma con le palme picchia.

Le ripe eran grommate d'una muffa, per l'alito di giu` che vi s'appasta, che con li occhi e col naso facea zuffa.

Lo fondo e` cupo si`, che non ci basta loco a veder sanza montare al dosso de l'arco, ove lo scoglio piu` sovrasta.

Quivi venimmo; e quindi giu` nel fosso vidi gente attuffata in uno sterco che da li uman privadi parea mosso.

E mentre ch'io la` giu` con l'occhio cerco, vidi un col capo si` di merda lordo, che non parea s'era laico o cherco.

Quei mi sgrido`: Perche' se' tu si` gordo di riguardar piu` me che li altri brutti? . E io a lui: Perche', se ben ricordo,

gia` t'ho veduto coi capelli asciutti, e se' Alessio Interminei da Lucca: pero` t'adocchio piu` che li altri tutti .

Ed elli allor, battendosi la zucca: Qua giu` m'hanno sommerso le lusinghe ond'io non ebbi mai la lingua stucca .

Appresso cio` lo duca Fa che pinghe , mi disse il viso un poco piu` avante, si` che la faccia ben con l'occhio attinghe

di quella sozza e scapigliata fante che la` si graffia con l'unghie merdose, e or s'accoscia e ora e` in piedi stante.

Taide e`, la puttana che rispuose al drudo suo quando disse "Ho io grazie grandi apo te?": "Anzi maravigliose!".

E quinci sien le nostre viste sazie .

Inferno: Canto XIX

O Simon mago, o miseri seguaci che le cose di Dio, che di bontate deon essere spose, e voi rapaci

per oro e per argento avolterate, or convien che per voi suoni la tromba, pero` che ne la terza bolgia state.

Gia` eravamo, a la seguente tomba, montati de lo scoglio in quella parte ch'a punto sovra mezzo 'l fosso piomba.

O somma sapienza, quanta e` l'arte che mostri in cielo, in terra e nel mal mondo, e quanto giusto tua virtu` comparte!

Io vidi per le coste e per lo fondo piena la pietra livida di fori, d'un largo tutti e ciascun era tondo.

Non mi parean men ampi ne' maggiori che que' che son nel mio bel San Giovanni, fatti per loco d'i battezzatori;

l'un de li quali, ancor non e` molt'anni, rupp'io per un che dentro v'annegava: e questo sia suggel ch'ogn'omo sganni.

Fuor de la bocca a ciascun soperchiava d'un peccator li piedi e de le gambe infino al grosso, e l'altro dentro stava.

Le piante erano a tutti accese intrambe; per che si` forte guizzavan le giunte, che spezzate averien ritorte e strambe.

Qual suole il fiammeggiar de le cose unte muoversi pur su per la strema buccia, tal era li` dai calcagni a le punte.

Chi e` colui, maestro, che si cruccia guizzando piu` che li altri suoi consorti , diss'io, e cui piu` roggia fiamma succia? .

Ed elli a me: Se tu vuo' ch'i' ti porti la` giu` per quella ripa che piu` giace, da lui saprai di se' e de' suoi torti .

La Divina Commedia: Inferno Page 25

Di Dante Alighieri Italian Authors

Italian Books

Free Books in the public domain from the Classic Literature Library ©

Italian Books
Di Dante Alighieri
Classic Literature Library

All Pages of This Book