Le gambe con le cosce seco stesse s'appiccar si`, che 'n poco la giuntura non facea segno alcun che si paresse.

Togliea la coda fessa la figura che si perdeva la`, e la sua pelle si facea molle, e quella di la` dura.

Io vidi intrar le braccia per l'ascelle, e i due pie` de la fiera, ch'eran corti, tanto allungar quanto accorciavan quelle.

Poscia li pie` di retro, insieme attorti, diventaron lo membro che l'uom cela, e 'l misero del suo n'avea due porti.

Mentre che 'l fummo l'uno e l'altro vela di color novo, e genera 'l pel suso per l'una parte e da l'altra il dipela,

l'un si levo` e l'altro cadde giuso, non torcendo pero` le lucerne empie, sotto le quai ciascun cambiava muso.

Quel ch'era dritto, il trasse ver' le tempie, e di troppa matera ch'in la` venne uscir li orecchi de le gote scempie;

cio` che non corse in dietro e si ritenne di quel soverchio, fe' naso a la faccia e le labbra ingrosso` quanto convenne.

Quel che giacea, il muso innanzi caccia, e li orecchi ritira per la testa come face le corna la lumaccia;

e la lingua, ch'avea unita e presta prima a parlar, si fende, e la forcuta ne l'altro si richiude; e 'l fummo resta.

L'anima ch'era fiera divenuta, suffolando si fugge per la valle, e l'altro dietro a lui parlando sputa.

Poscia li volse le novelle spalle, e disse a l'altro: I' vo' che Buoso corra, com'ho fatt'io, carpon per questo calle .

Cosi` vid'io la settima zavorra mutare e trasmutare; e qui mi scusi la novita` se fior la penna abborra.

E avvegna che li occhi miei confusi fossero alquanto e l'animo smagato, non poter quei fuggirsi tanto chiusi,

ch'i' non scorgessi ben Puccio Sciancato; ed era quel che sol, di tre compagni che venner prima, non era mutato;

l'altr'era quel che tu, Gaville, piagni.

Inferno: Canto XXVI

Godi, Fiorenza, poi che se' si` grande, che per mare e per terra batti l'ali, e per lo 'nferno tuo nome si spande!

Tra li ladron trovai cinque cotali tuoi cittadini onde mi ven vergogna, e tu in grande orranza non ne sali.

Ma se presso al mattin del ver si sogna, tu sentirai di qua da picciol tempo di quel che Prato, non ch'altri, t'agogna.

E se gia` fosse, non saria per tempo. Cosi` foss'ei, da che pur esser dee! che' piu` mi gravera`, com'piu` m'attempo.

Noi ci partimmo, e su per le scalee che n'avea fatto iborni a scender pria, rimonto` 'l duca mio e trasse mee;

e proseguendo la solinga via, tra le schegge e tra ' rocchi de lo scoglio lo pie` sanza la man non si spedia.

Allor mi dolsi, e ora mi ridoglio quando drizzo la mente a cio` ch'io vidi, e piu` lo 'ngegno affreno ch'i' non soglio,

perche' non corra che virtu` nol guidi; si` che, se stella bona o miglior cosa m'ha dato 'l ben, ch'io stessi nol m'invidi.

Quante 'l villan ch'al poggio si riposa, nel tempo che colui che 'l mondo schiara la faccia sua a noi tien meno ascosa,

come la mosca cede alla zanzara, vede lucciole giu` per la vallea, forse cola` dov'e' vendemmia e ara:

di tante fiamme tutta risplendea l'ottava bolgia, si` com'io m'accorsi tosto che fui la` 've 'l fondo parea.

E qual colui che si vengio` con li orsi vide 'l carro d'Elia al dipartire, quando i cavalli al cielo erti levorsi,

che nol potea si` con li occhi seguire, ch'el vedesse altro che la fiamma sola, si` come nuvoletta, in su` salire:

tal si move ciascuna per la gola del fosso, che' nessuna mostra 'l furto, e ogne fiamma un peccatore invola.

Io stava sovra 'l ponte a veder surto, si` che s'io non avessi un ronchion preso, caduto sarei giu` sanz'esser urto.

E 'l duca che mi vide tanto atteso, disse: Dentro dai fuochi son li spirti; catun si fascia di quel ch'elli e` inceso .

Maestro mio , rispuos'io, per udirti son io piu` certo; ma gia` m'era avviso che cosi` fosse, e gia` voleva dirti:

chi e` 'n quel foco che vien si` diviso di sopra, che par surger de la pira dov'Eteocle col fratel fu miso? .

La Divina Commedia: Inferno Page 35

Di Dante Alighieri Italian Authors

Italian Books

Free Books in the public domain from the Classic Literature Library ©

Italian Books
Di Dante Alighieri
Classic Literature Library

All Pages of This Book